30 gennaio 2014 ~ 2 Commenti

Croce verde

Rimango basito di fronte a sentenze come quella del TAR Toscana. Parliamo di medicina territoriale, ieri il Ministro Lorenzin in un convegno sul sistema sanitario regionale in Lombardia ha detto ” Che senza offendere nessuno , la sua aspirazione era che i pazienti di Reggio Calabria fossero curati in Calabria”, e a me sembra che questo vuol dire vicinanza al cittadino, non denigrare la Sanità di altre Regioni. Vuol dire che il cittadino si senta prima di tutto persona. Forse gli assessorati alla sanità non hanno capito che se si accorpano gli Ospedali per ottimizzare le spese e le eccellenze , le Farmacie non vanno accorpate tutte nell’ASL , anche perchè si da il caso che la maggior parte sono private e questo si chiama sequestro di bene privato, che se non si applica all’azienda come tale, lo è di fatto uccidendola commercialmente! Temo però anche per altre Regioni, quando si parla di Creg o comunque di terapie sul paziente cronico o sub-acuto. Se le Farmacie del territorio non riescono ad entrare nella gestione di tali pazienti, FACENDO SEMPLICEMENTE IL LORO MESTIERE , ci troviamo ad essere punti di rifornimento per le piccole patologie acute: in parole povere :paracetamolo e amoxicillina!  La croce verde deve rappresentare il presidio sanitario di zona , che non sia un monito alla memoria : qui giace un farmacista che aveva creduto e vissuto per la Farmacia!

icona
Per commentare è necessaria l'iscrizione a Medikey

 


La gestione del riconoscimento dell'operatore della salute e la trasmissione e archiviazione delle relative chiavi d'accesso e dei dati personali del professionista della salute avviene mediante la piattaforma Medikey® nel rispetto dei requisiti richiesti da
Il Ministero della Salute (Circolare Min. San. - Dipartimento Valutazione Farmaci e Farmacovigilanza n° 800.I/15/1267 del 22 marzo 2000)
Codice della Privacy (D.Lgs 30/06/2003 n. 196) sulla tutela dei dati personali